Sei in Home > Conservazione > Biodiversità vegetale > Evoluzione paesaggio agrario

Evoluzione paesaggio agrario

Il progetto, appena concluso, ha riguardato l’analisi multitemporale dell’uso del suolo in alcune aree del Parco in cui l’abbandono delle attività agro-pastorali ha innescato visibili fenomeni di ricolonizzazione da parte della vegetazione spontanea. Le aree scelte sono: Maiella nordorientale, tra i comuni di Serramonacesca e Pennapiedimonte; Caramanico Terme-Sant’Eufemia a Majella; Passo San Leonardo; Campo di Giove-Piano Cerreto, per un totale di 7685 ettari.

L’analisi si è svolta su diversi fronti. Da una parte, l’interpretazione di fotografie aeree, ortorettificate, storiche (1954) e attuali (2007), operazione sulla quale è stata assegnata una borsa di studio della durata di 18 mesi, coadiuvata da sopralluoghi ed interviste finalizzati a registrare le cosiddette “verità a terra” e a verificare l’interpretazione data delle immagini; dall’altra, l’analisi di campo sulla vegetazione esistente nelle sue diverse forme d’uso.
La fotointerpretazione e la redazione delle carte interpretative del mosaico vegetazionale sono state realizzate in ambiente GIS alla scala di 1:10.000, con area minima di 0,1 ha, utilizzando la classificazione di uso/copertura del suolo CORINE Land Cover ad eccezione delle superfici artificiali, per le quali è stata seguita la legenda della Carta d’Uso del Suolo della Regione Abruzzo. Per le aree boscate è stata considerata, oltre alla specie forestale dominante, anche la densità della copertura.

Nel complesso, in tutte le aree è stata riscontrata una marcata trasformazione delle superfici agricole in praterie, arbusteti e boschi, con le maggiori variazioni a carico delle aree boscate e di quelle agricole. I boschi di latifoglie in tutte le aree hanno subito un notevole incremento in termini sia di superficie, sia di complessità strutturale. Anche i rimboschimenti di conifere hanno subito un incremento, soprattutto nella Majella nordorientale. Le superfici agricole utilizzate sono notevolmente diminuite, con riduzioni dal 35% al 50%.

Immagine del paesaggio agrario nel Parco
Immagine del paesaggio agrario nel Parco della Majella
Immagine del paesaggio agrario di Pescocostanzo
Navigando il sito parcomajella.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.