Sei in Home > Sentiero dello Spirito > Tappa 1: dalla Badia di Sulmona a Caramanico Terme

Sentiero dello Spirito: tappa 1

Sigla sentiero: S

Sigle dei sentieri intersecati dall’Itinerario: R6 – R5 - Q3 - Q7 – P - A1

Località di inizio: Abbazia Santo Spirito al Morrone (Sulmona)
Località di arrivo: Caramanico Terme

Difficoltà escursionistica: EE - ESCURSIONISTI ESPERTI

Dislivello in salita: m. 1.970 circa

Dislivello in discesa: m. 1.800 circa

Lunghezza: km. 27,400 circa (possibilità di dividere la tappa in due giorni con pernottamento c/o il Rifugio Iaccio della Madonna*)

Tempo di percorrenza: 9h 00’ circa

Punti acqua: Abbazia S. Spirito al Morrone (Sulmona) – Fonte Vicenne (con deviazione su R6-R4 – 15 minuti) 

San Vittorino (fraz. Caramanico Terme)

Punto appoggio :
Foresteria del Parco la “Casa del Lupo” - Via del Vivaio –Caramanico T. (PE)
Tel. 085.922343  info@remove-this.majambiente.it 

Strutture informative del Parco più prossime alla zona:

Centro Informazioni – Via Badia, 28 – Sulmona (AQ) – tel. 0864.251863  info@remove-this.movimentozoe.com

Centro Visita - Via del Vivaio –Caramanico Terme (Pe) tel. 085.922343 - info@remove-this.majambiente.it  

*Il Rifugio Iaccio della Madonna si può prenotare o telefonicamente il martedì e il giovedì dalle 19.30 alle 21.00 al numero 085.54621 o preferibilmente inviando una e-mail all'indirizzo  segreteria@remove-this.caipescara.it indicando nome e cognome del responsabile del gruppo, il numero della sua tessera CAI in corso di validità, il suo numero di telefono cellulare, il numero massimo dei partecipanti e le date di soggiorno, le chiavi possono poi essere ritirate c/o il centro Informazioni di Caramanico in Via del Vivaio.


Dalla Badia di Sulmona a Caramanico Terme

La prima tappa del Sentiero dello Spirito conduce da Sulmona a Caramanico Terme effettuando la traversata del massiccio del Morrone. Prima di salire verso San Pietro, merita assolutamente una deviazione l’Eremo di Sant’Onofrio al Morrone. Il sentiero all’inizio sale gradualmente, per deviare poi nettamente a destra con la salita che si fa più ripida. Con stretti tornanti si attraversa una pineta finché il sentiero si immette su una carrareccia e poi ancora su sentiero fino all’Eremo di San Pietro. Tornando sui propri passi, il sentiero riprende passando prima per prati e poi ritornando sulla strada sterrata (deviazione su R6 e R4 per l’eremo rupestre di Santa Maria in Cryptis e eventualmente per rifornirsi d’acqua poco più avanti presso un antico fontanile chiamato “Le vicenne”). Tornando al bivio il sentiero comincia a salire di nuovo verso la parte più alta del Morrone fino a giungere sulla vetta. Da questo punto si scende fino al rifugio Iaccio della Madonna e si prosegue, scendendo sul versante opposto del massiccio. Si raggiunge la strada interpoderale del Morrone (Q7), la si attraversa e in discesa si giunge a contrada San Vittorino, sul fiume Orta e infine a Caramanico Terme. 

Navigando il sito parcomajella.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.