Sei in Home > Sentiero dello Spirito > Tappa 2: da Caramanico Terme al rifugio Di Marco

Sentiero dello Spirito: tappa 2

Sigla sentiero: S

Sigle dei sentieri intersecati dall’Itinerario: P – B2 - B8 - B1

Località di inizio: Caramanico Terme - Ponte di Caramanico
Località di arrivo: “Rifugio di Marco” - Prato della Majelletta

Difficoltà escursionistica: EE - ESCURSIONISTI ESPERTI

Dislivello in salita: m. 1200 circa

Dislivello in discesa: -----

Lunghezza: Km. 12,500 +  Km. 1,300 circa (per deviazione su B1 Rifugio Di Marco*)

Tempo di percorrenza: 8h 00’ circa

Punto acqua: Caramanico T.  - Piana Grande (Fonte Centiata)

Punto appoggio : Rifugio M. Di Marco

Rifugio composto da 2 locali uno per bivacco (sempre aperto) l’altro chiuso gestito dal CAI di Pescara, possibilità di utilizzo su prenotazione (solo Soci CAI)

Strutture informative del Parco più prossime alla zona:

Centro Visita - Via del Vivaio –Caramanico Terme (Pe) tel. 085.922343 - info@remove-this.majambiente.it  

*Il Rifugio Di Marco si può prenotare o telefonicamente il martedì e il giovedì dalle 19.30 alle 21.00 al numero 085.54621 o preferibilmente inviando una e-mail all'indirizzo  segreteria@remove-this.caipescara.it indicando nome e cognome del responsabile del gruppo, il numero della sua tessera CAI in corso di validità, il suo numero di telefono cellulare, il numero massimo dei partecipanti e le date di soggiorno, le chiavi possono poi essere ritirate c/o il centro Informazioni di Caramanico in Via del Vivaio


Da Caramanico Terme al Rifugio "Di Marco"

Il sentiero dello Spirito in questa tappa risale per intero la Valle dell’Orfento e offre l’opportunità di scoprire una delle aree di maggior pregio naturalistico del Parco. La prima parte dell’itinerario si snoda attraverso la gola del fiume Orfento dove, superato l’antico Ponte di San Cataldo, la valle progressivamente si apre lasciando intravedere le imponenti pareti calcaree che la caratterizzano. Si procede lungo il fiume toccando il Ponte del Vallone prima e quello di San Benedetto poi, dal quale, entrando in faggeta, si raggiungono dopo circa un’ora di cammino i resti dell’eremo di Sant’Onofrio. Proseguendo si incrocia il sentiero che sale la Rava dell’Avellana dal Ponte della Pietra, si devia a sinistra per dare inizio alla lunga salita che conduce in cima alla Rava. Giunti in cima in breve si ridiscende verso Pianagrande dove a un incrocio deviando a sinistra il sentiero dello Spirito scende in direzione dell’Eremo di San Giovanni, mentre deviando a destra (B1) si raggiunge il Rifugio M. Di Marco.

alternativa

La tappa n° 2 risale per intero la Valle dell’Orfento e presenta, lungo la Rava dell’Avellana, pendenze e dislivelli impegnativi. In alternativa a questa tappa si può, da Caramanico Terme, risalire per il sentiero P fino a Decontra (Frazione di Caramanico) e qui prosesuire lungo il B1 per Pianagrande e l’Eremo di S. Giovanni.  A Decontra trovate agriturismo e ristorante.

Navigando il sito parcomajella.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.