Sei in Home > Natura > Fauna del Parco > Uccelli > Piviere tortolino

Piviere Tortolino

Immagine di un Piviere tortolino

Charadrius morinellus

Uccello tipico della tundra artica e degli altipiani del nord Europa, questa specie è sicuramente una delle entità faunistiche che maggiormente caratterizza il territorio del Parco Nazionale della Majella. Il piccolo nucleo riproduttivo, scoperto a metà degli anni 50’ del ventesimo secolo, si è riprodotto, seppur in modo irregolare, fino alla metà degli anni ’80 sugli altipiani posti alle quote più elevate del massiccio della Majella, costituendo uno dei nuclei più meridionali della specie e quello più consistente (fino a 10 coppie) tra quelli noti per il centro sud Europa. Con l’ultima segnalazione in periodo riproduttivo risalente a metà degli anni ’90, l’Ente Parco negli ultimi dieci anni ha condotto approfondite attività di monitoraggio effettuate sia nei siti riproduttivi storici che in tutte le altre aree potenzialmente idonee alla riproduzione, evidenziando però come il piccolo contingente che vi nidificava si sia estinto. Trattandosi di una specie migratrice, la scomparsa degli individui che si riproducono in una determinata area, soprattuto se al margine dell’areale di distribuzione, può determinare la perdita della memoria storica di un sito riproduttivo, rendendo estremamente difficile la ricolonizzazione dell’area.

Il piviere tortolino tra l’altro a causa della sua notevole confidenza con l’uomo risulta estremamente vulnerabile alla pressione venatoria, in particolare nei quartieri di svernamento.

Il pattern migratorio del Piviere tortolino è caratterizzato inoltre da una migrazione primaverile quasi diretta, senza soste, nel tragitto che porta gli animali dai siti di svernamento in Nord Africa e Medio Oriente, fino alle aree di riproduzione principali in nord Europa. Questo fatto, determina che in tutte le nazioni dell’Europa centrale e meridionale, durante la migrazione primaverile venga osservata una percentuale di Pivieri tortolini estremamente ridotta rispetto ai contingenti autunnali.

A testimonianza di ciò, anche se come detto la specie attualmente non si riproduce nel territorio del Parco, nei mesi da agosto a ottobre, gruppi anche relativamente numerosi di Pivieri tortolini sostano, per alimentarsi di grilli e lombrichi sul massiccio della Majella ma anche sulle sommità dei rilievi circostanti, dal Morrone al  M. Pizzalto e al  M. Rotella.

Navigando il sito parcomajella.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.