Sei in Home > Uomo e territorio > Eremi e luoghi di culto rupestri > S. Liberatore a Majella

Monastero di S. Liberatore a Maiella

Comune: Serramonacesca (PE)

Località: S. Liberatore, a circa 370 m s.l.m.

Struttura: Si tratta di uno dei più importanti esempi di architettura romanica abruzzese.
L’edificio a pianta basilicale è a tre navate terminanti con tre absidi semicircolari. Le navate sono attraversate da sette archi poggianti su pilastri e conclusi dalla tipica cornice benedettina. Lungo la navata sinistra si aprono due porte: la prima dava accesso al chiostro, la seconda al monastero. La navata centrale è rivestita da un pavimento mosaicato risalente al 1275. È presente un ambone databile al 1180.
Nelle absidi centrale e sinistra vi sono due importanti cicli di affreschi, i più antichi dei quali risalgono al XIII sec.
La facciata esterna, in pietra concia della Maiella, è affiancata da un campanile a pianta quadrata ed era un tempo preceduta da un portico. La superficie muraria del prospetto è scandito in due ordini: superiore, con cornici sostenute da arcatelle cieche e da lesene, e inferiore, con i tre portali.
Il portale centrale e destro sono databili al 1100 circa, il portale di sinistra è più tardo.

Storia e tradizioni: Prepositura cassinese. Secondo il Memoratorium dell’abate Bertario di Montecassino nel sec. IX i territori di S. Liberatore si estendevano dal Pescara al Trigno.
Dopo il terremoto del 990 il priore Teobaldo (1007-1022) avviò la ricostruzione del monastero e del suo patrimonio fondiario in parte occupato dai conti di Chieti. Nel sec. XI i Normanni sottoposero il monastero alla loro influenza. Sotto gli angioini i beni di S. Liberatore furono più volte confiscati e restituiti da Carlo e Roberto d’Angiò.
Nel 1465 il cardinale Ludovico Trevisan divenne abate commendatario del monastero di Montecassino e di tutte le sue pertinenze. Da quel momento in poi i priori furono nominati dall’abate commendatario e si occuperanno soltanto di ordinaria amministrazione fino alla soppressione napoleonica del 1808.

Si raggiunge: in auto

Informazioni per la visita: Apertura Abbazia Coop. S. Liberatore +39.339.4032310

Visite guidate:

Coop. S. Liberatore +39.339.4032310 - info@ostellosanliberatore.com

CEA Grande Faggio – Tel. +39. 0871.898143 - +39. 335.5995995
Email: info@ilgrandefaggio.it

Immagine del complesso di S. Liberatore a Majella
Immagine della struttura di S. Liberatore a Majella
Immagine di un dettaglio del complesso di S. Liberatore a Majella
Navigando il sito parcomajella.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.