Sei in Home > Visita il parco > Da non perdere > Grotta dei Piccioni

Grotta dei Piccioni

Santuario degli agricoltori neolitici, la grotta dei Piccioni attira da sempre l’interesse di curiosi e ricercatori, grazie anche agli abbondanti ritrovamenti di ceramiche antiche. Nel 1870, il Bianchini, sindaco di Bolognano, inaugurò la stagione di scavi con alcuni saggi, ma solo nel 1958 il Prof. A. M. Radmilli vi eseguì scavi sistematici che portarono in luce una frequentazione della grotta a partire dalle prime fasi del Neolitico a quelle finali dell’età del bronzo. Nella Grotta sono stati rinvenuti asce, falcetti e lamette di selce, macine, pestelli, ossidiana, conchiglie ornamentali e soprattutto abbondanti reperti ceramici.

Dove si trova: a circa 20 minuti a piedi dall’abitato di Bolognano, su uno sperone roccioso a strapiombo sul fiume Orta.

Curiosità: Sulla parete di fondo della grotta sono stati ritrovati undici circoli rituali in pietra, due dei quali contenenti gli scheletri di due bambini attorniati di piccoli manufatti di pietra e osso.

Informazioni e visita: Centro Informazioni del Parco di Bolognano.

Leggi di più: La visita alla grotta viene effettuata esclusivamente con guida rivolgendosi al Centro Informazioni di Bolognano.

Immagine dei resti di sepoltura Immagine della grotta sterile Immagine dei resti ceramici
Indietro
Navigando il sito parcomajella.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.