Sei in Home > Ente parco > In primo piano > Majella terra "selvaggia"

Majella terra "selvaggia"

Il Parco Nazionale della Majella ha ottenuto nuovamente il riconoscimento degli standard di qualità “selvaggia” del proprio territorio. Recentemente infatti al Europe Wilderness Society, la NGO che da anni tutela la wilderness europea ed ha il proprio quartier generale a Lungau in Austria, all'interno del parco della biosfera UNESCO. L'area wilderness del Parco della Majella oggi è vasta circa 15.000 ettari ed ha tra i suoi “fiori all'occhiello” il bosco di Pino nero di Cima della Stretta. Questa formazione forestale, forse poco conosciuta ai non addetti ai lavori per la sua collocazione in un'area impervia ed in un territorio caratterizzato, anche paesaggisticamente, soprattutto da faggete, habitat rupestri e pianori altitudinali, rappresenta una delle pochissime formazioni autoctone di pino nero rimaste nel territorio del parco, ed è di straordinaria importanza naturalistica anche perché vi si trovano piante secolari, veri e proprio “patriarchi” della natura.

Clicca qui per saperne di più sulla wilderness della Majella e sulla European Wilderness Society.

 

 

 

Indietro
Navigando il sito parcomajella.it acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.