25 Maggio 2024
Un Parco di Montagna affacciato sul Mare

Palombaro

Piazza Risorgimento, 8
66010 Palombaro (CH)
Telefono: 0871895131
Sito internet: halleyweb.com/c069062/hh/index.php
E-mail: comunepalombaro@comune.palombaro.ch.it
PEC: comunepalombaro@servercertificato.it
Densità: 55,89 abitanti per km²
Estensione: 17,19 km²
Popolazione: 968 (Istat, novembre 2022)
Nome abitanti: Palombaresi

Palombaro è un comune montano situato a 536 m s.l.m. denominato “sentinella della Maiella” per via della posizione strategica che occupa affacciandosi sui fiumi Avella e Verde e sui percorsi tratturali ad essi connessi.

Il nome del paese deriva dal latino palummane che, nel gergo dialettale, era un palo che si teneva in mano (ipotesi avvalorata dallo stemma del comune).

Il borgo ospita luoghi di interesse come il Museo del Minatore, Palazzo baronale Menna, Palazzo Tito di Giuseppe e Sala San Rocco (teatro).

Legati alle tradizioni religiose sono il Santuario della Madonna dell'Assunta o della Serra (al cui interno è conservata una statua lignea della Patrona Madonna della Libera, festeggiata il 15 agosto) e le chiese di San Salvatore e di San Rocco.

Nel territorio di Palombaro, l'omonima valle presenta pareti rocciose che accolgono numerose grotte. Una di queste, a quasi 800 m di quota, è la Grotta di Sant'Angelo di Palombaro, annoverata tra i geositi UNESCO del Parco. Al suo interno è custodito l'Eremo di Sant'Angelo, risalente all’XI secolo e costruito probabilmente sui resti di un tempio dedicato a Bona, dea della fertilità. La tradizione narra che le puerpere si recavano alla fonte per aspergere i propri seni con l’acqua che scaturiva dalla grotta e che veniva raccolta in vasche di pietra tutt’ora presenti. Si credeva che questa usanza avrebbe favorito l'abbondanza di latte. Successivamente in epoca cristiana l’eremo venne dedicato a San Michele Arcangelo. Oggi è possibile raggiungere il sito a piedi, partendo dall'area attrezzata nella frazione di Sant'Agata D'Ugno, passeggiando attraverso il bosco fino a raggiungere il luogo.

Da non perdere: la rievocazione de “Lu Lope de Sante Duminiche” nella prima domenica di giugno, e altri eventi come “Fieragosto” il 14 agosto e “Eremo sotto le stelle” il 15 e 16 luglio.

Tra le curiosità enogastronimiche il paese offre le “Vrache di mulo”: il nome deriva dalla particolare forma conferita alla pasta al momento della preparazione (simile alle briglie).

Il territorio di Palombaro contribuisce alla biodiversità della Maiella, nel suo territorio infatti viene coltivata la Solina, probabilmente una delle varietà locali più antiche e significative della regione Abruzzo.

Un giro per Palombaro
Il Meteo nel Comune

Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo E-mail per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh

cookie