29 Maggio 2024
Un Parco di Montagna affacciato sul Mare

Pescocostanzo

Piazza Municipio, 1
67033 Pescocostanzo (AQ)
Telefono: 0864.640003
Sito internet:www.comune.pescocostanzo.aq.it/
Sito social:www.facebook.com/comunedipescocostanzo/
E-mail: protocollo2@comune.pescocostanzo.aq.it
PEC: com.pescocostanzo.prot@pec.it
Densità: 19,57 abitanti per km²
Estensione: 55,06 km²
Popolazione: 1078 (Istat, novembre 2022)
Nome abitanti: Pescolani

Pennapiedimonte è un piccolo paese montano arroccato a 669 m s.l.m., sul versante orientale della Maiella, su un ripido costone che scende a picco sulla Valle dell'Avello.

Noto per essere il borgo degli scalpellini, è costruito interamente in pietra. Le case, riconosciute monumento nazionale dal 1970 e disposte a gradinata, sono state ricavate scolpendo la roccia; ognuna di esse dispone di una cisterna in cui in passato veniva convogliata l'acqua piovana, poiché l'unico punto di approvvigionamento; la Fonte medioevale monumentale (dove in passato le donne facevano il bucato), si trovava all'esterno del paese.

Passeggiando tra le vie si incontrano sia strutture religiose sia edifici civili. Nota è la chiesa dei SS. Silvestro e Rocco dove sono custoditi la statua di Santa Maria dell'Avella, un quadro settecentesco raffigurante Santa Brigida (patrona festeggiata il 17 agosto) e alcune sculture realizzate dagli antichi maestri scalpellini.

Il territorio di Pennapiedimonte era abitato sin dall'antichità, come testimoniato dalla presenza di una necropoli (V-IV secolo a.C.) rinvenuta durante gli scavi del 1982 per la realizzazione di un campo da tennis. Alcuni dei reperti rinvenuti sono oggi conservati all'interno della Torre Romana, sede del Museo della necropoli italica.

Risalendo il borgo si incontra “La Pinna”, nota anche come “Cimirocco” (“ai piedi del monte”), ossia uno sperone roccioso posto a 705 m s.l.m. che somiglia ad una donna seduta (raffigurante la dea Maja), china ad accudire il figlio morente Mercurio. Questo arco di roccia è oggi considerato uno dei geositi UNESCO del Parco.

Andando verso la parte più alta del paese, un primo luogo di interesse è il belvedere del Balzolo, una balconata che oggi porta il titolo di “balcone d'Abruzzo”. Da qui è possibile ammirare il mare con i suoi trabocchi (nelle giornate più limpide sono ben visibili le Isole Tremiti) e la montagna con la sua valle dell'Avello. Quest'ultima, nota anche come Valle di Selva romana, è un importante geosito UNESCO che vanta la presenza di circa 150 grotte pastorali. Altra attrazione meritevole di attenzione è la Cava delle pile, da cui veniva estratta la roccia per ricavare dei contenitori (pile), utilizzati per conservare l'olio.

Il territorio di Pennapiedimonte offre anche la possibilità di addentrarsi nella natura selvaggia e nella vista di panorami mozzafiato, tra boschi, grotte e cascate. Nota è la Cascata del Linaro, raggiungibile attraverso un percorso che dal Balzolo, prosegue verso Madonna delle Sorgenti.

Dal punto di vista culinario, Pennapiedimonte è conosciuta sia per gli “strozzacavalli”, manicaretti da forno sia dolci che salati sia per il “salsicciotto di Pennapiedimonte”.

Un giro per Pescocostanzo
Il Meteo nel Comune

Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo E-mail per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh

cookie