22 Luglio 2024
Un Parco di Montagna affacciato sul Mare

"Sull’uccisione dell’orsa Amarena"

02-09-2023 12:20 - Notizie dal Parco
Sull’uccisione dell’orsa Amarena
comunicato stampa di Lucio Zazzara, Presidente del Parco Nazionale della Maiella

L’uccisione dell’orsa Amarena rappresenta un gesto sconsiderato per diverse ragioni, sia d’interesse scientifico, sia sociale, sia economico; ma soprattutto è la manifestazione di una pericolosa sottocultura che continua a privilegiare un approccio violento alle problematiche, che pure sussistono, nel rapporto uomo-natura. L’Abruzzo è una regione particolare e molto fortunata in questo senso poiché è caratterizzata da una geografia che da sempre ha reso possibile l’insediamento umano e lo sviluppo di una natura esuberante; una natura che ha saputo sempre rinascere dopo gli sconvolgimenti della geologia, del clima e dell’azione umana.

Un vero capitale che è stato difeso e incrementato nell’ultimo secolo e che, grazie anche all’azione di alcuni Enti -come i Parchi-, delle varie Riserve, dell’impegno di singoli e Associazioni, rappresenta oggi una risorsa importante e capace più che mai di restituire valore agli abitanti. Una situazione in cui sempre più chiaramente si è rivelata la possibilità di una pacifica convivenza tra le esigenze dell’insediamento antropico e, anzi, la necessità di elaborare una nuova visione di un territorio in cui tutto è unito e compatibile; uno spazio in cui convivono le attività umane da sempre considerate “invasive” -come le città, le infrastrutture, i sistemi produttivi- con le più incredibili e felici espressioni della natura, anche selvaggia. Abbiamo scoperto, soprattutto negli ultimi anni, che tutto questo rappresenta oltre che una condizione privilegiata di vita un vero e proprio motore economico; una forza capace di sviluppare nuove economie legate ad attività di turismo sostenibile. Abbiamo goduto di una crescente capacità attrattiva dei nostri territori ed abbiamo compreso che la nostra capacità di lavorare per essere sempre più integrati con la nostra natura ed i nostri successi nella promozione dei nostri beni (storici, tradizionali, artistici, religiosi, enogastronomici, ecc.) poteva salvarci dall’abbandono e dalla perdita irrimadiabile del patrimonio stesso. Abbiamo preso definitivamente coscienza che l’orsa Amarena, insieme a tutta la biodiversità di cui faceva parte (fatta di un’intera complessità, comprendente piante, animali, società umana, pietra e vitalità diffusa) rappresentava il simbolo di una realtà nuova; di un mondo possibile in cui si può guardare con speranza al futuro nostro e dei nostri figli e nipoti.

Abbiamo fatto di tutto per custodire questa grande risorsa; soprattutto i Parchi che oggi hanno come principale impegno quello di ridurre al minimo le conflittualità che una simile situazione inevitabilmente produce; di correre ed essere disponibili per sostenere le esigenze di chi non riesce ancora a gestire del tutto il rapporto tra i propri interessi -pur minimi- e quelli di programmi di tutela più generali. In questo faticoso lavoro quotidiano abbiamo stabilito patti di condivisione e collaborazione con categorie oggettivamente esposte -come agricoltori, apicultori, piccoli allevatori e pastori-; una serie crescente di successi che si sono tradotti nel recupero di antiche attività come nello sviluppo di nuove, nella crescita di un nuovo sistema ricettivo come nella scelta (per un numero crescente di persone) di eleggere i nostri territori per abitarci e lavorare.

Tutto questo è avvenuto senza mai prendere scorciatoie -né da parte di chi si occupa di tutela, né da parte di chi vive sul territorio-; senza mai invocare l’esigenza di azioni sbrigative ma coltivando lo studio, la conoscenza e la comunicazione. Spingendo avanti la consapevolezza culturale del senso delle nostre scelte e delle possibilità che ne possono derivare.

Nessuno può decidere di far prevalere la propria incapacità di convivenza con tutto questo imbracciando un fucile e dando sfogo ai propri demoni. Uccidere l’orsa Amarena ha prodotto enormi danni al sistema perché ha interrotto un importante passaggio della biodiversità abruzzese, ha distrutto un importante risultato delle politiche di tutela di una specie a rischio di estinzione, ha privato la Comunità regionale di un pezzo di paesaggio attrattivo e produttivo, ha prodotto un danno al futuro di tutti noi.

Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo E-mail per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh

cookie