21 Ottobre 2020





UN PARCO DI MONTAGNA
AFFACCIATO SUL MARE

UN PARCO DI MONTAGNA
AFFACCIATO SUL MARE

La Grotta del Cavallone

Adriatic Caves
Nell'ipogeo che ha ispirato le scenografie della Figlia di Iorio

La Grotta si apre in una scoscesa parete rocciosa nello splendido Vallone di Taranta a quota 1.475 m, lungo il versante est della Majella. Si sviluppa in direzione N-S e misura oltre 1,5 km. Il percorso turistico copre i primi 1.360 m. La temperatura, costante tutto l'anno, è intorno ai 10°C. Si tratta di una grotta carsica scavata in calcareniti e calcari selciferi, datati fra i 65 e i 23 milioni di anni fa, per l'azione di acque risalenti dal sottosuolo. Questa sua origine ipogenica spiega la presenza di minerali rari nel carsismo dei calcari, come l'alunite e il gesso. Numerosi sono gli speleotemi presenti all'interno, soprattutto stalagmiti. Una delle più grandi, alta più di 2 m, si trova vicino all'ingresso. La grotta è frequentata da pipistrelli soprattutto durante il periodo invernale. Le prime testimonianze di visita risalgono al 1666, ma il 1865 è considerato l'anno della vera e propria scoperta. E' nota anche come Grotta della Figlia di Iorio in quanto ispirò la sceneggiatura dell'omonima tragedia dannunziana. Durante la Seconda Guerra Mondiale fu utilizzata come rifugio dagli abitanti di Taranta: le donne e i bambini si rifugiarono qui, mentre gli uomini nella vicina Grotta del Bove. Il Cavallone è quindi un insieme di geologia, natura, cultura e storia per cui è stata inserita nei geositi del Parco.



Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio