20 Maggio 2022
Parco Nazionale della Maiella



UN PARCO DI MONTAGNA



AFFACCIATO SUL MARE

Traversata di cresta di Monte Rotella

Itinerari aperti
SCHEDA TECNICA

Grado di difficoltà: EE - ESCURSIONISTI ESPERTI
Tipo di itinerario: traversata
Località di partenza: Rivisondoli (m 1320)
Località di arrivo: Bosco di S. Antonio (m 1250)
Dislivello in salita: m 800
Dislivello in discesa: m 900
Tempo di percorrenza: 6 ore
Punti acqua: Rivisondoli, Bosco di S. Antonio
Codici sentieri in ordine di percorrenza: T1T2T4

ALTRE INFORMAZIONI
Per l’itinerario descritto, si consiglia di lasciare un’auto a Roccapia, altrimenti dalla vetta si torna indietro sul percorso di andata.

Strutture informative del Parco più prossime alla zona:

DESCRIZIONE:
Sentiero molto panoramico che percorre per buona parte la cresta del Monte Rotella, fino ad arrivare sulla vetta (2129 m). Partendo dalla parte alta del centro di Rivisondoli, nei pressi della sterrata che sale verso il Monte Calvario, si attraversa un ambiente aperto caratterizzato soprattutto da praterie e da qualche campo coltivato fino ad incrociare sulla destra, il sentiero T3 che sale da Pescocostanzo. Proseguendo sulla cresta molto panoramica, il sentiero è un continuo saliscendi ed è piuttosto aereo, di tanto in tanto si fa più roccioso. Sulla destra in basso, man mano che si avanza, si scorge il Bosco di Sant’Antonio. Arrivati in cima, si inizia a scendere sul T1 in direzione nord-ovest fino ad arrivare al borgo di Roccapia in circa 2 ore e 30 minuti circa (EE).

Punti di particolare interesse:
La cresta del Rotella regala panorami che spaziano sugli altopiani maggiori come il Quarto del Barone, il Quarto Grande verso est, il Piano delle Cinque Miglia, i monti del Parco Nazionale d’Abruzzo a ovest, il Massiccio della Maiella a nord-est e la conca della Valle Peligna con il Massiccio del Morrone e sullo sfondo la catena del Gran Sasso a nord.

Particolarità Flora/Fauna
Lungo il sentiero man mano che si sale, i pascoli sono ricoperti da folti ginepreti di Ginepro nano (Juniperus nana) insieme all’Euforbia cipressina (Euphorbia cyparissias). Sulla cresta, si incontrano numerosissimi sassi ricoperti di licheni di color arancio intenso.

Nelle vicinanze puoi visitare
Da non perdere una visita nel bellissimo centro storico di Pescocostanzo, ricco di botteghe orafe ed artigiane del ferro battuto, conosciuto anche per la lunga tradizione nella produzione di manufatti realizzati con il “Tombolo”.

Come raggiungere il punto di partenza del sentiero
In auto: da Roma o Pescara: A25 uscita Sulmona-Pratola Peligna direzione Roccaraso S.S. 17, poi S.S. 84 – da Foggia/Bari A14 uscita Val di Sangro, poi S.S. 652, poi da Castel di Sangro S.S.17 e infine S.S. 84.
In treno: la stazione più vicina è Sulmona, in alcune date è possibile usufruire di un treno storico che collega Sulmona con Roccaraso. Gli orari e le date sono tuttavia stabiliti stagionalmente, per informazioni www.lerotaie.com
In autobus: da Sulmona o Castel di Sangro servizi TUA fermata Roccaraso, a 2 km circa dal sentiero.


ORGANIZZA UN'ESCURSIONE
[]
SENTIERI A 6 ZAMPE
[]
ITINERARI IN MTB
[]
STATO DEI SENTIERI
[]
ISCRIVITI ALLA BRODCAST
[]
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
[]
ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio

cookie