29 Settembre 2022
Parco Nazionale della Maiella



UN PARCO DI MONTAGNA



AFFACCIATO SUL MARE

Eremo Grotta Sant'Angelo di Palombaro

Itinerari aperti
SCHEDA TECNICA

Grado di difficoltà: E - ESCURSIONISTICO
Tipo di itinerario: anello
Località di partenza/arrivo: area picnic in località Sterparo (m 750)
Dislivello in salita/discesa: m 150
Tempo di percorrenza: 1 ora e 30 minuti
Punti acqua: area picnic in località Sterparo, area pic nic Grotta Sant’Angelo
Codici sentieri in ordine di percorrenza: G3

Strutture informative del Parco più prossime alla zona:
Centro Informazioni di Fara San Martino

DESCRIZIONE:
Da Fara San Martino attraversata la zona industriale dei pastifici, si va in direzione Capo le Macchie e Piano Massaro. Da qui si prosegue verso sinistra, percorrendo una strada piuttosto stretta che conduce al parcheggio dell’area pic-nic Sterparo. Da qui il sentiero attraversa dapprima un bosco misto, poi una faggeta, si prende una scalinata in corrispondenza della segnaletica dedicata. Si percorrono ora una serie di ripidi gradini ricavati nel terreno per giungere infine ad un’ampia cavità rocciosa dove è inserito l’eremo. Il sito era inizialmente dedicato a Bona, dea della fertilità. Le puerpere si recavano alla fonte per aspergere i propri seni con l’acqua che scaturiva dalla grotta e veniva raccolta in vasche di pietra tutt’ora presenti. Successivamente in epoca cristiana l’eremo venne dedicato a San Michele Arcangelo, angelo dell’acqua. Il ritorno si compie scendendo la scalinata e si segue il sentiero G3 fino a tornare in località Sterparo, punto di partenza.

Punti di particolare interesse:
Alla parete della grotta sono addossati i resti di una chiesa benedettina, caratterizzati da due mura e da un’abside semi circolare decorata con archetti pensili e cordature a tortiglione. Risalente probabilmente all’XI secolo, nel XIII divenne possedimento del Monastero di San Martino in Valle.

Particolarità Flora/Fauna
L’ambiente circostante è caratterizzato da imponenti formazioni rocciose, popolate dai camosci in periodo invernale quando scendono a quote più basse rispetto ai pascoli d’alta quota frequentati d’estate. Sempre in inverno non è difficile avvistare il Picchio muraiolo caratterizzato da un volo sfarfalleggiante durante il quale mostra la ali di color rosso vivo.

Nelle vicinanze puoi visitare
A Palombaro si trova il Museo del Minatore dove si conservano oggetti di vita quotidiana recuperati da diverse zone del mondo e si mantiene vivo il ricordo di quanti hanno emigrato in cerca di lavoro verso terre lontane. A Pennapiedimonte si trova il balcone panoramico del “Balzolo” che domina la Valle dell’Avello fino alle Gobbe di Selvaromana.

Come raggiungere il punto di partenza del sentiero
In auto:
A14 uscita Pescara Ovest-Chieti; Superstrada S.S. 81 per Guardiagrele e S.P. 215 e S.P. 263 fino a località Tornelli, poi su Strada comunale in direzione di “Riserve Naturali della Maiella Orientale”.
In treno: la stazione più vicina è a Lanciano, a 30 km da Palombaro.
In autobus: servizi TUA da Pescara, Chieti, Guardiagrele e Lanciano, coincidenza da Guardiagrele per Palombaro, fermata in località Tornelli a 2 km dall’imbocco del sentiero.

ORGANIZZA UN'ESCURSIONE
[]
SENTIERI A 6 ZAMPE
[]
ITINERARI IN MTB
[]
STATO DEI SENTIERI
[]
ISCRIVITI ALLA BRODCAST
[]
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
[]
ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
 (testo completo) obbligatorio
refresh


cookie